Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

ARCHIVIO
Dossier e Approfondimenti

Codice Rosso, L.69/2019/Revenge P
1522 - num. anti violenza e stalking
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Fondo di solidarietà Comunale
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Carta Nazionale Servizi (CNS)
La violenza domestica
SPREAD dei titoli: la guida
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Imu - Tari - Tasi - (UIC)
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 
 
 
 


La pandemia ha fatto aumentare i problemi di intestino irritabile

Il Covid-19 fa male anche all'intestino e non solo durante la malattia, ma anche dopo e pure in quei soggetti che non hanno contratto l'infezione. A pesare, da un lato è l'aumento di stress che per molti ha rappresentato il periodo della pandemia e, dall'altro, l'effetto del nuovo coronavirus sulla mucosa intestinale. "L'intestino - spiega Sara Diani, medico esperto di medicina integrata e Network Medicine - continua a eliminare virus per 10-12 settimane dopo la guarigione dei sintomi ed è anzi l'ultimo organo che continua a eliminarlo. Inoltre, è coinvolto nell'infezione da Sars-Cov-2 per la presenza dei recettori bersaglio del virus e in virtù del ruolo che svolge nell'apparato immunitario".

In un terzo dei pazienti, il Covid-19 si è manifestato anche in forma gastrointestinale, con diarrea, nausea e vomito, come dimostra tra gli altri uno studio cinese pubblicato sul Journal of Gastroenterology and Hepatology. Ma quello che ora si vede sono anche le conseguenze post-infettive, ovvero i riscontri clinici di sindrome da intestino irritabile sviluppata da pazienti successivamente al Covid. All'origine del problema, il ruolo del MALT intestinale ovvero il tessuto linfoide associato alla mucosa intestinale che contiene cellule immunitarie che fungono da barriera nei confronti di sostanze provenienti dall'esterno. "La sua attivazione, infatti, può esser provocata anche da infezioni virali e batteriche e può scatenare sintomi intestinali che, se si cronicizzano, possono portare a una sindrome dell'intestino irritabile post-infettivo", precisa Enrico Stefano Corazziari, senior consultant presso la Gastroenterologia dell'Istituto Clinico Humanitas di Rozzano.

Tuttavia, l'aumento delle patologie a carico dell'intestino, in questo periodo non riguarda solo chi è stato trovato positivo al tampone. "Il lockdown e i cambiamenti a livello di alimentazione e vita sociale, hanno avuto conseguenze su ansia, depressione, stress e disturbi del sonno: circa il 30-35% delle persone ha sviluppato uno di questi disturbi. La letteratura scientifica - conclude Diani - ormai da tempo ha evidenziato lo stretto collegamento tra intestino, vita emotiva e cervello. E la conferma la osserviamo in questi mesi, con l'aumento, nella popolazione generale, dei sintomi di gonfiore e dolore intestinale, associati a stipsi o diarrea"

GuardiaCivica - La pandemia ha fatto aumentare i problemi di intestino irritabile

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.

 
 
Diretta PARLAMENTO