Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

ARCHIVIO
Dossier e Approfondimenti

Codice Rosso, L.69/2019/Revenge P
1522 - num. anti violenza e stalking
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Fondo di solidarietà Comunale
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Carta Nazionale Servizi (CNS)
La violenza domestica
SPREAD dei titoli: la guida
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Imu - Tari - Tasi - (UIC)
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 
 
 
 


Autosufficienza economica del figlio maggiorenne: quando si raggiunge? Cosa succede se il figlio è studente ma lavora?

Il principio è ormai a tutti noto e anche stabile: i figli hanno diritto ad essere mantenuti dai genitori – sposati o conviventi, separati o “divorziati” che siano – finché non sono in grado di mantenersi da soli. Ossia sino a quando non raggiungono l’autosufficienza economica. Questa situazione non coincide quindi con i 18 anni, ma si verifica quando il giovane raggiunge un’autonomia, un reddito conforme al suo percorso di studi e che gli garantisce una certa stabilità. 

Le incertezze sorgono quando bisogna andare a definire la stabilità. Ad esempio un lavoro part-time è stato considerato sufficiente, un dottorato di ricerca no, così come non sono sufficienti uno stage, un apprendistato o un tirocinio per il loro carattere precario

Sul diritto al mantenimento al figlio lavoratore si sprecano ogni giorno pagine di sentenze per definire quando sussista l’autosufficienza economica. 

Ad esempio una recente ordinanza della Cassazione [1], ha stabilito che lo studente lavoratore non ha diritto all’assegno di mantenimento da parte del genitore. Il giovane era stato assunto alle Poste con un contratto part-time ed a tempo determinato.

Cerchiamo di chiarire meglio come stanno le cose e fino a dove sussiste il diritto al mantenimento del figlio lavoratore.

Obbligo di mantenimento dei figli

L’obbligo dei genitori di mantenere i figli è previsto dall’articolo 30 della Costituzione e sussiste per il solo fatto di averli generati: tutti i genitori, anche non coniugati, devono cioè mantenere i figli in proporzione alle rispettive sostanze e secondo la loro capacità di lavoro professionale o casalingo.

Non esiste un limite di età prestabilito oltre il quale il genitore non è più tenuto a provvedere al mantenimento dei figli. Di regola i genitori:

° sono tenuti a mantenere i figli fino a quando iniziano a lavorare e il lavoro permette loro di raggiungere l’indipendenza economica;

° possono liberarsi dall’obbligo di mantenere i figli se provano che il mancato svolgimento di un’attività lavorativa dipende da inerzia, rifiuto o abbandono ingiustificato del lavoro.

Tanto più cresce il giovane, tanto più il giudice può presumere che l’assenza di una indipendenza economica sia dovuta a inerzia e pigrizia e non a difficoltà del mondo lavorativo. Il cordone si taglia definitivamente a 35 anni (tale è stato il limite di età definito da alcune pronunce della Cassazione): oltre tale soglia infatti è verosimile ritenere che l’assenza di lavoro non dipenda dal mercato ma dall’assenza di volontà del beneficiario. Sicché da 35 anni in poi si perde l’assegno dal genitore. Chiaramente, non è un limite categorico, ma solo indicativo atteso che ogni situazione è diversa dalle altre. Il giudice quindi deve valutare caso per caso, potendo tagliare il mantenimento anche prima di 35 anni quando il giovane non ha voluto studiare e, nello stesso tempo, non si è dato da fare per trovare un posto o quando, pur avendo conseguito una laurea e un titolo, non ha partecipato a concorsi, bandi pubblici, non ha inviato il cv ad aziende, non ha richiesto colloqui di lavoro e non si è iscritto alle liste di collocamento.

L’onere della prova

In ogni caso, non è il figlio a dover dimostrare di non aver conseguito l’indipendenza economica non per causa propria ma il genitore a dover dare prova, in giudizio, della sua inerzia. Il che rende le cose più difficoltose per i padri che spesso sperano di liberarsi dell’obbligo a partire dal giorno successivo alla laurea.

Quando viene meno il diritto al mantenimento?

L’obbligo per i genitori di versare il mantenimento viene meno nelle seguenti ipotesi:

- raggiunta una età adulta (non indicata però dalla legge ma che, come abbiamo visto, per la Cassazione si aggira intorno ai 35 anni);

- quando i figli iniziano un’attività lavorativa che permette loro di raggiungere l’indipendenza economica;

- quando il mancato svolgimento di un’attività lavorativa dipende da inerzia, rifiuto o abbandono ingiustificato del lavoro stesso da parte dei figli.

Recentemente la Cassazione ha affermato che i genitori hanno l’obbligo di mantenere i figli fino al completamento del percorso formativo prescelto e all’acquisizione della capacità lavorativa che gli permetta di raggiungere l’autosufficienza

La corte ha escluso il diritto al mantenimento per il figlio che, terminati gli studi, ha rifiutato senza valido motivo un posto di lavoro fuori sede

Quando il figlio raggiunge l’autosufficienza economica?

Il figlio maggiorenne diventa economicamente autosufficiente quando comincia a percepire un reddito corrispondente alla professionalità acquisita in relazione alle normali e concrete condizioni di mercato [3], anche se l’inserimento nella famiglia paterna gli avrebbe garantito una posizione sociale migliore [4] a meno che si sottraggano volontariamente allo svolgimento dell’attività lavorativa.

Che succede se il figlio raggiunge l’indipendenza economica?

Raggiunta l’indipendenza economica il figlio perde per sempre il diritto al mantenimento. Non rilevano gli eventi successivi. Quindi un giovane che viene assunto da un’azienda a 23 anni e dopo poco licenziato non può più richiedere il mantenimento ai genitori.

Limiti di età per il mantenimento 

La Cassazione ha ribadito che, «ai fini del riconoscimento dell’obbligo di mantenimento dei figli maggiorenni non indipendenti economicamente, il giudice è tenuto a valutare, con prudente apprezzamento, caso per caso e con criteri di rigore proporzionalmente crescenti in rapporto all’età dei beneficiari, le circostanze che giustificano il permanere del suddetto obbligo di mantenimento (così come l’assegnazione della casa familiare). Resta fermo che tale obbligo non può essere protratto oltre ragionevoli limiti di tempo e di misura, poiché il diritto del figlio si giustifica nei limiti del perseguimento di un progetto educativo e di un percorso di formazione, nel rispetto delle sue capacità, inclinazioni e (purché compatibili con le condizioni economiche dei genitori) aspirazioni».

 

GuardiaCivica - Autosufficienza economica del figlio maggiorenne: quando si raggiunge? Cosa succede se il figlio è studente ma lavora?

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.

 
 
Diretta PARLAMENTO