Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

Documenti, Dossier e Approfondimenti

CORONA VIRUS. Sezione dedicata
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Decreto sicurezza 2018
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Osservatorio atti intimidatori
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Asili nido. Agevolazioni.
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Sicurezza delle città. Il dl 14/2017
Imu - Tari - Tasi
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 

 

 


Poste si riorganizzano per fronte all’emergenza COVID-19

Poste Italiane si riorganizzano per far fronte all’emergenza COVID-19. Alcune novità sono state già implementate per la consegna di raccomandate e pacchi, ora lo sforzo più grande è atteso tra una settimana, quando a partire dal prossimo 26 marzo e fino al primo aprile saranno pagate le pensioni.

A preoccupare sono i numeri molto elevati dei pensionati che hanno l’abitudine di andare a ritirare la pensione allo sportello postale.

Una situazione tanto più critica in quanto dei circa 12.500 uffici presenti sul territorio nazionale ne sono stati chiusi 3.316.

Intanto i 130mila lavoratori delle Poste continuano a lavorare in condizioni molto diverse rispetto all’ordinario. L’azienda garantisce infatti il servizio con un numero di Uffici Postali aperti in proporzione agli abitanti di ciascun Comune.

Ad oggi nei Comuni con un unico Ufficio Postale, l’apertura avviene a giorni alterni. Inoltre le aperture di pomeriggio degli Uffici aperti su due turni sono contingentate così come quelle del mattino.

In tutti gli uffici sono state messe a punto delle linee di distanza dalle postazioni degli operatori. È stato sospeso il servizio di prenotazione online dell’appuntamento presso l’ufficio postale mediante l’applicazione “prenota ticket”.

Per i servizi di consegna di raccomandate, assicurate e le notifiche a mezzo posta (atti giudiziari e multe) viene effettuato lasciando il plico nella cassetta domiciliare, dopo aver accertato la presenza del destinatario o di persona abilitata al ritiro. Gli invii in contrassegno o con consegna a mani proprie saranno depositati direttamente nell’Ufficio Postale, previo rilascio dell’avviso di giacenza i cui termini sono stati estesi.

Allo stesso modo per i pacchi e gli invii di corriere espresso, l’addetto al recapito provvederà all’immissione dell’invio nella cassetta domiciliare o in un luogo con condizioni minime di sicurezza, informando il destinatario e attestandola con la propria firma sui modelli di consegna e gli avvisi di ricevimento.

GuardiaCivica - Poste si riorganizzano per fronte all’emergenza COVID-19

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.