Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

ARCHIVIO
Dossier e Approfondimenti

Codice Rosso, L.69/2019/Revenge P
1522 - num. anti violenza e stalking
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Fondo di solidarietà Comunale
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Carta Nazionale Servizi (CNS)
La violenza domestica
SPREAD dei titoli: la guida
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Imu - Tari - Tasi - (UIC)
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 
 
 
 


RIFORMA DEL CATASTO - Le preoccupazioni dei Consumatori in piena emergenza COVID

Se ne parla da metà agosto, con gli italiani ancora in vacanza, da quando il ministero dell’Economia e delle Finanze ha inserito nell’atto di indirizzo alle amministrazioni fiscali per il triennio 2021-2023, l’ aggiornamento degli archivi catastali «anche nell’ottica di una più equa imposizione fiscale». Ora la questione si fa più concreta, se sono vere le indiscrezioni in base alle quali il governo vuole inserire nella riforma fiscale che dovrebbe approdare in Consiglio dei ministri nei prossimi giorni anche la revisione del catasto.

Perché si vuole riformare il Catasto?

Il sistema attuale di fatto è basato su estimi che rappresentano i valori teorici dei canoni che si potevano ottenere negli anni Ottanta del secolo scorso affittando la casa. Le grandi città sono suddivise in aree molto grandi e poco omogenee dal punto di vista del mercato e, per quanto riguarda gli immobili residenziali, l’unità di misura della superficie non è quella, adoperata nella pratica commerciale, del metro quadrato ma il vano catastale, di misura variabile. Il sistema fa sì che ad esempio abitazioni d’epoca ma di pregio e in posizione centrale abbiano talora valori fiscali minori di quelli di case della stessa superficie in periferia ma nuove. Con la riforma si adopererebbero valori a metro quadrato basati su prezzi e canoni di mercato.

Di riforma si parla da quasi 25 anni ma nessun governo è andato fino in fondo. Perché?

Perché la riforma si tradurrebbe in un sicuro aumento dell’imposizione fiscale a meno di non ricorrere a un drastico taglio delle aliquote e prevedere una clausola di salvaguardia per cui chi pagherebbe di più possa optare per calcolare le imposte con il sistema precedente. Ne risulterebbero alla fine incassi minori per l’Erario centrale e le casse comunali, utopistico pensare che sia questa l’intenzione.

Catasto, l’aggiornamento degli archivi

Nell’atto firmato il 15 luglio dal ministro Daniele Franco e indirizzato alle Agenzie fiscali (Entrate, Riscossione, Dogane e Demanio), al Dipartimento delle Finanze e alla Guardia di Finanza, non si parla esplicitamente di riforma ma di «puntuale aggiornamento degli archivi» in collaborazione con gli enti territoriali. Il Mef raccomanda in particolare all’Agenzia delle Entrate di «presidiare la qualità e la completezza delle banche dati catastali, finalizzando prioritariamente l’azione alla completa integrazione dei dati immobiliari compresa la loro rappresentazione cartografica, per una piena interoperabilità con i sistemi informativi di altri enti». In questo modo, spiega il documento, insieme alla realizzazione dell’Anagrafe dei Titolari, sarà assicurata «una sempre maggiore fruibilità delle banche dati immobiliari sia per scopi tributari sia per attività di supporto agli enti territoriali, di gestione delle emergenze e salvaguardia del patrimonio immobiliare».

GuardiaCivica - RIFORMA DEL CATASTO - Le preoccupazioni dei Consumatori in piena emergenza COVID

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.

 
 
Diretta PARLAMENTO