Home

Finalità Sedi e sportelli Diventa
SOCIO
Associa il tuo
COMUNE
Associa la tua
SCUOLA
Associa la tua
AZIENDA
Professionisti
convenzionati
Area Soci CONTATTI
 

ARCHIVIO
Dossier e Approfondimenti

Codice Rosso, L.69/2019/Revenge P
1522 - num. anti violenza e stalking
MES (meccanismo Eu. di stabilità)
Fondo di solidarietà Comunale
Carta di Identità Elettronica (CIE)
Carta Nazionale Servizi (CNS)
La violenza domestica
SPREAD dei titoli: la guida
Il Vademecun "Anti Panico"
Corona Virus: misure contenimento
Vehicle to Grid - dm 30/01/2020
Indennizzi per i reati violenti
Codice contratti pubblici dlgs 50/16
DL "sblocca cantieri" 18/04/19 n. 32
Milleproroghe, DL 30/12/2019 n.162
L. 27/12/2019 n.160 - Finanziaria
Decreto fiscale 2019 (L.157/19)/
Decreto Crescita-economia circolare
Glossario della Corte Costituzionale
Cabina di regia "Strategia Italia"
Statuto del Contribuente-L212/2000
Disegno/Proposta/Progetto di legge
Reddito di Cittadinanza
Il Decreto DIGNITA' (dl 87/2018)
Privacy UE Dir. 679/2016 - Sintesi
Privacy UE Dir.679/2016 - La guida
Foreste: testo unico (dlgs 34/2018)
Impianti Geotermici
Testamento biologico
Sicurezza delle Città, L. 48/2017
Patente B, nuove regole tecniche
Compostaggio, proc Semplificate
Imu - Tari - Tasi - (UIC)
Imposte
Scioglimento degli Enti Locali
Recupero crediti

 
 
 
 


La prescrizione della cartella esattoriale

La percentuale di cartelle esattoriali viziate per prescrizione è enorme. Basta un semplice confronto con il dettaglio contenuto nella cartella stessa per rendersi conto di come molti debiti siano ormai “scaduti”. In questo caso, però, bisogna sempre impugnare la cartella: non ci si può cioè limitare a non pagare. Se non ci si oppone, infatti, la cartella illegittima diventa definitiva e va pagata. 

Giudice competente è il Giudice ordinario (Tribunale) e non la Commissione Tributaria

Come stabilire se una cartella è prescritta

Innanzitutto, bisogna tenere conto di quelli che sono i termini di prescrizione:

10 anni per tutte le imposte dovute allo Stato come Irpef, Iva, Irap, canone Rai, imposta di bollo, catastale o di registro. Un recente orientamento, però, sostenuto anche dalla Cassazione (seppur ancora minoritario), ritiene che le cartelle per Irpef ed Irap si prescrivano in 5 anni [1];

5 anni per le imposte dovute ai Comuni e alle Regioni come Imu, Tari, Tosap;

5 anni per le sanzioni irrogate da autorità amministrative come il prefetto e le comuni multe stradali;

3 anni per il bollo auto.

A questo punto, bisogna verificare quando è stato notificato al contribuente il precedente atto che potrebbe essere un avviso di accertamento o anche una precedente cartella, una intimazione di pagamento, un preavviso di ipoteca o di fermo auto, ecc. Se tra l’una e l’altra notifica decorrono i termini che abbiamo appena indicato si può dire formata la prescrizione. Il debito, quindi, va cancellato definitivamente dal giudice.


GuardiaCivica - La prescrizione della cartella esattoriale

NB: GuardiaCivica non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di assistenza ai Cittadini. Non è finanziata da nessun Ente Pubblico o Privato, non è collegata ad alcun partito politico o sindacato, e si sostiene esclusivamente con il tesseramento dei Soci. Tutti i servizi di assistenza sono gratuiti per i Soci.

 
 
Diretta PARLAMENTO